header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  

         
 

ENRICO RAVANELLO – CAPTAIN MIDNIGHT (28 Novembre 1974 – 19 agosto 2006)

a cura di Pier Tosi.


Dal 19 agosto del 2006 per molti di noi della ‘reggae family’ italiana si crea un vuoto dentro difficilissimo da riempire: un assurdo incidente stradale ha portato via a Cuba dove era in vacanza con la sua Luisa Enry ‘Captain Midnight’, apprezzato giornalista e deejay, appassionato studioso di reggae e black music e per noi un amico dall’animo puro. Enry era nato il 28 novembre 1974, proveniva dalla provincia di Alessandria ed amava definirsi nella sua semplicita’ un ‘country boy’ e cioe’ un ragazzo di campagna. Da sempre appassionato di musica, controcultura e sottoculture giovanili nei primi anni ’90 si appassiona al reggae ed entra in contatto con vari centri di attivita’ di questa musica soprattutto nella scena milanese che frequenta e di cui ben presto entra a far parte. Chi vi scrive ha condiviso una sincera e forte amicizia con Enry dal 1998 fino alla sua scomparsa. La sua attivita’ di scrittore reggae, alimentata dalla passione con cui Enry colleziona da tempo singoli reggae originali, incomincia intorno al 1994 sulla reggae magazine veneta Rasta Snob con la rubrica personale Dancing Mood, il titolo di un brano soul dei Tams rifatto in Giamaica da Delroy Wilson: come vedremo questo importante titolo ritornera’ in seguito e continuera’ a contraddistinguere un suo settore di attivita’. L’ultimo periodo del passato millennio lo vede far parte come selecter ed MC del roots sound King David Warriors di Aosta con cui partecipa a Roma al RAS 2000, la penultima edizione del raduno dei sound systems italiani svoltasi al Forte Prenestino. Dopo aver lasciato il sound aostano continua comunque una intensa attivita’ di deejay con una propensione a suonare le ‘foundation tunes’ che abbondano nella sua collezione di dischi. Oltre ad esibirsi in tutte le migliori reggae yards italiane insieme alle migliori crews viene invitato anche ad alcune dancehalls e festivals in Austria, Germania e Svizzera. Nei primi mesi del 2000 condivide l’idea con Xina Mun di creare una nuova reggae fanzine cartacea che si occupi delle nuove tendenze del reggae e soprattutto della cultura dei sound systems e cosi’ nasce Silekshan, ottima rivista di piccolo formato su cui per alcuni anni compaiono ottimi articoli, recensioni ed interviste a vari sound systems della scena italiana. La grande autorevolezza e lo stile di Captain Midnight fanno si che venga inviato al Rototom Sunsplash come deejay e soprattutto come presentatore ed arbitro di alcuni clashes internazionali che si svolgono nel piu’ importante reggae festival italiano. Intanto Vito War offre a Captain Midnight l’opportunita’ di avere uno spazio all’interno del suo programma radio Reggae Radio Station, in onda dal 1988 su Radio Popolare: lo spazio in questione si chiama Dancing Mood ed una volta al mese offre ai numerosi ascoltatori una bellissima selection di grandi classici della storia del reggae e di brani cruciali del presente della nostra musica. Enry sviluppa uno stile molto apprezzato al microfono come speaker e viene incluso in un’altra importante esperienza: stiamo parlando della Juggling Academy ideata da DJ Indi. In questi shows alcuni importanti deejays come lo stesso Indi, Mad Kid o Macro Macro si scatenano nei loro jugglings mentre due telecamere mostrano le loro azioni sui giradischi su uno schermo gigante e vari MCs tra cui Enry si occupano con stile dell’intrattenimento al microfono. La Juggling Academy gira per una serie di esibizioni con grande successo tutti i migliori reggae clubs italiani. Al termine dell’esperienza Silekshan Captain Midnight diventa apprezzato collaboratore del mensile Groove per il quale recensisce le migliori uscite reggae e soul sia su album che su singolo ed intervista vari apprezzati personaggi della scena reggae italiana e mondiale. Nel corso degli ultimi mesi della sua vita continua instancabilmente a suonare afficancando la sua musica ad alcune dancehalls di David Rodigan ed al concerto di Nonantola (Modena) del primo tour italiano di Damian Marley. Dopo la sua scomparsa si stanno organizzando varie dancehall in suo onore per raccogliere fondi che vanno all'ANFAS, l'associazione per cui Enry faceva volontariato ed ad Emergency, un'altra realta' che Enry ammirava. E' in progetto l'apertura di un sito dedicato alla sua memoria.

 







Vibesonline.net - 2006


 

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice "various" - Back to the "various" index


 

 

 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - vvibes@geocities.com