header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


In memoria di Bim Sherman (1952-2000)
Profilo e discografia

a cura di Pier Tosi.


Eccoci ancora una volta a scrivere per celebrare un artista reggae scomparso: questa volta si tratta da Bim Sherman, straordinario cantante jamaicano scomparso a Londra venerdi' 17 novembre al termine di una brevissima malattia incurabile diagnosticatagli quasi per caso.
Questa perdita e' veramente molto sentita da tantissimi reggae fans: Bim Sherman era un artista molto schivo, e nonostante una produzione abbastanza consistente aveva soltanto sfiorato quel grande successo che avrebbe meritato. Era un artista abbastanza atipico per il reggae e lontano da certi cliches o atteggiamenti di maniera.
Chi lo ha amato non puo' fare a meno di associare immediatamente al suo nome la sua voce preziosa ed a tratti fragile ma straordinariamente evocativa e romantica e le sue canzoni piu' famose, meditative ed intimiste. Era uno di quegli artisti di cui ogni canzone conteneva una particolare e personalissima vibrazione.

Bim Sherman era nato in Jamaica nel 1952 con il vero nome Jarrett Tomlinson (lo si puo' scoprire sui dischi anche sotto i nomi di Jarrett Vincent, Lloyd Vincent, J.L.Vincent, Bim Shieman e Lloyd Tomlinson) ed era approdato alla carriera di cantante alla meta' degli anni settanta.
Come tanti artisti in quel periodo i suoi sforzi compositivi iniziali sono subito rivolti alla spiritualita' Rasta, mentre dopo alcune discutibili esperienze con colossi produttivi del reggae come Randy's o Studio One, Bim sceglie perloppiu' la via dell'autoproduzione o della collaborazione con producers indipendenti simili a lui come Prince Far I, Jah Lloyd, Jah Woosh o il fratello di Augustus Pablo, Dudley Swaby per cui registra la grandiosa 'Mighty Ruler' (la trovate su 'Ja-man special' della Blood & Fire).

Per cio' che riguarda le autoproduzioni il giovane Bim utilizza i propri marchi Red Sea, Scorpio o Sundew: in vari casi di grande ristrettezza economica deve utilizzare lo stesso ritmo per due brani diversi.
In questo periodo di grande diffusione del reggae nel mondo, anche i suoi singoli vengono ristampati sul mercato inglese: alcune perle come 'Love forever', Ever firm' o '10.000 careless Ethiopians' non passano inosservate e nel 1978 uno dei decani della scena della produzione e dei sound systems UK, Lloydie Coxsone riunisce otto bellissimi brani di Bim Sherman nel suo primo album intitolato 'Love forever' ed uscito sulla Tribesman label. Lloydie Coxsone non e' l'unico ad essere affascinato da Bim: da anni il giovane Adrian Sherwood gia' all'opera nel mondo del reggae si ciba furiosamente di jamaican imports e non perde un disco con il suo nome in copertina e sogna di averlo sulla sua On-U-Sound label. Nel frattempo esce un altro album nel 1979 initolato 'Lovers leap', la voce di Bim Sherman divide l'anno seguente un disco con Horace Andy e U Black, e a seguito del crecente interesse generale per la sua musica e dei ripetuti inviti di Adrian Sherwood attraverso il comune amico Prince Far I, Bim si trasferisce in UK.

Nei vent'anni successivi la stretta collaborazione con Adrian Shwerwood segnera' decisivamente la sua carriera al punto che il nome di Bim Sherman sara' quasi sempre legato dai reggae fans all'On-U-Sound e alle magie del giovane dub-master bianco.
Agli albori degli anni ottanta il cantante si esibisce dal vivo con Prince Far I e Jah Woosh e l'accompagnamento dei Creation Rebel e nel 1982 esce su On-U-Sound 'Across the Red Sea', un ottimo album meta' di produzioni jamaicane e meta' di suoni prodotti da Adrian.
La purezza della voce di Bim inizia a comparire nel caotico flusso produttivo di Adrian Sherwood: lo troviamo in questi primi anni ottanta insieme ai Singers & Players, a Deadly Headley, ai New Age Steppers ai Dub Syndicate, mentre le sue produzioni continuano con alterni albums a suo nome sulle sue etichette (nelle modalita' produttive e nei musicisti utilizzati e' evidente l'influenza di Adrian Sherwood) Century e RDL/Revolver.

Tanti anni di bellissime produzioni portano Adrian Sherwood negli anni novanta con la leggendaria fama di grande sperimentatore e di incontrollabile miscelatore di suoni, suggestioni e culture, e la voce di Bim Sherman e' innegabilmente un elemento chiave di cio'.
Nel 1996 Adrian e Bim lavorano ad una serie di canzoni in studio con le tablas di Talvin Singh, la chitarra di Skip McDonald e il basso di Doug Wimbish: il reggae beat viene lasciato da parte e la voce sognante di Bim viene accompagnata da liquidissime atomsfere acustiche poi impreziosite dagli archi indiani dell'arrangiatore Suraj Sathe. Il risultato e' lo sbalorditivo album 'Miracle', forse il piu' bello mai realizzato da Bim Sherman, un capolavoro che gli assicura il nuovo status di star della musica che puo' volare alta e evocare inimmaginabili incontri di culture.
Mentre insieme a lui altri personaggi come Horace Andy, Earl Sixteen o Junior Delgado si prestano a collaborazioni inedite portando nello 'spazio' le loro melodie africane, la voce di Bim diviene ambitissima e la troviamo in questo periodo in ambiti extra-reggae su produzioni di Jah Wobble, Akabu, Sabres Of Paradise, Gary Clail, Tackhead, Groove Corporation, Bomb The Bass e Annie Anxiety.
'Miracle' viene smontato e rimontato ed 'It must be a dream' e' il titolo del frutto del lavoro di vari remixers, di cui fa parte anche Steve Osbourne, la cui versione di 'Solid as a rock' porta a Bim un ottimo successo commerciale nelle charts europee.

Negli ultimi anni Bim ha cercato con esiti inferiori di rievocare le atmosfere di 'Miracle' con l'album 'What happened', e Adrian Sherwood ha pubblicato una basilare antologia in CD dei suoi primi lavori intitolata 'Love forever' (esiste un duale dub chiamato 'Rub-a-dub') con il chiaro intento di riattualizzare la sua bellissima opera.


DISCOGRAFIA (ALBUMS)

  • Love Forever (Tribesman 1978)
  • Lovers Leap (Scorpio 1979)
  • Bim Sherman Meets Horace Andy And U Black, (Yard International 1982)
  • Across The Red Sea, (On-U-Sound 1982)
  • Bim Sherman And The Voluntary, (Century 1984)
  • Danger (stessi brani di 'Love forever'), (Century 1984)
  • African Rubber Dub, (RDL 1987)
  • Haunting Ground, (RDL/Revolver 1989)
  • Exploitation, (RDL/Revolver 1989)
  • Too Hot, (Century 1990)
  • Matrix Dub, (Century 1990)
  • Crucial Cuts Vol. 1, (Century 1990)
  • Crucial Cuts Vol. 2, (Century 1990)
  • African Rubber Dub Vol. 2, (Century 1991)
  • Crazy World, (Century 1992)
  • Reality (con i Dub Syndicate), (Century 1992)
  • Winey Winey (Century 1992)
  • Lion Heart Dub (con i Dub Syndicate), (Century 1993)
  • Raw Raw Dub - African Rubber Dub Vol. 3, (Century 1993)

    Come The Justice League Of Zion:

  • Discoverers part 1, (Century 1994)
  • Discoverers part 2 Dubwise, (Century 1994)

  • Wash Wash (With Groove Corporation), (Century 1995)
  • Miracle, (Mantra 1996)
  • It Must Be A Dream, (Mantra 1997)
  • What happened, (Mantra 1998)
  • Taken Off (Best Of), (Century 1999)
  • Love Forever - The Classic Jamaican Recordings, (EFA/Century 1999)
  • Rub-A-Dub, (EFA/Century 2000)

Notevoli tracce di Bim Sherman si posono trovare anche nei seguenti CDs On-U-Sound: (i primi sette ristampati di recente a meta' prezzo nella collana Master Recordings, vedi recensione su Vibesonline.net)

  • Disco Plates collection vol.1 (Various Artists)
  • Disco Plates collection vol.2 (Various Artists)
  • The revenge of the underdog (Singers & Players)
  • War of words (Singers & Players)
  • Staggering heights (Singers & Players)
  • 35 years from Alpha ( Deadly Headley Bennett)
  • Strike the balance (Dub Syndicate)
  • Tune from the missing channel (Dub Syndicate)
  • Leaps and bounds (Singers & Players)
  • Reggae Archive vol.2 (Various Artists)
Ulteriori ragguagli sulla discografia On-U-Sound li potete trovare nel sito della label http://www.obsolete.com/on-u/

Per una discografia piu' dettagliata di Bim Sherman (anche se incompleta) vedi: http://www.niceup.com/discographies/sherman.bim


Vibesonline.net - 2000

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice "various" - Back to the "various" index



Bim Sherman, fotografato da Kishi (On-U Sound)
come appare sulla copertina del singolo "Keep you dancing",
della mitica serie On-U Sound Discoplate, 1983.

This is an italian-language tribute to Bim Sherman. If you want to read a great english-language Bim Sherman tribute check: http://www.reggae-vibes.com/concert/bimsherman/sherman.htm
Some very interesting notes about Bim Sherman directly from Adrian Sherwood's mouth are available on our exclusive interview
If you want to listen to a Bim Sherman tribute (only for the Nov.23-30 week) radio show from Italy check: http://www.reggaestreet.com/1/ssp


Alcune interessanti notizie su Bim Sherman le potete trovare anche nella nostra intervista esclusiva ad