header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Seeed: dancehall caballeros!

a cura di Pier Tosi.

 



La breve ma esplosiva storia dei Seeed e' iniziata alla fine degli anni novanta a Berlino: se devo essere sincero i primi a parlarmi di loro in termini entusiastici furono alcuni componenti dei Boo Boo Vibration e mi sembrava comunque molto strano che di questa band descrittami come potentissima non si sapesse assolutamente nulla e nessuna notizia che li riguardasse fosse trapelata qui in Italia. Nel 2001 e' uscito il loro CD di debutto 'New dubby conquerors', il primo manifesto delle folli intenzioni musicali di questi reggae-men berlinesi. La prima traccia 'Dancehall caballeros' e' piuttosto eloquente: si apre con suoni di 'scratching' finche' su un dancehall beat non arrivano i tre cantanti Enuff, Ear e Eased cantando in tedesco e rifacendo decisamente il verso a T.O.K. In 'New dubby conquerors' pero' e' il one-drop riddim che la fa da padrone rispetto al dancehall style con 'pezzoni' come 'Psychedelic kingdom' in cui e' avvertibile un folle tocco alla Lee Perry primi anni settanta e le citazioni di 'Police & Thieves' e dei Paragons con 'We Seeed' e 'Tide is high'. La title track conclude apparentemente il CD con un beat hip hop ipnotico e un po' malato con inserti reggae e cambi di tempo ed alla fine alla fine arriva dal nulla una bellissima traccia fantasma in cui Seeed skankano su un riddim molto simile al classico Real Rock di casa Studio One.
'New dubby conquerors' e' un ottimo esordio e mette in luce una grande ricchezza di idee e comunque una atmosfera generale inconfondibile, come se si possa passare con disinvoltura attraverso tutti i generi che abbiamo nominato mantenendo pero' una sorta di identita' ed un tocco assolutamente personale. Seeed comunque non dormono sulla gloria portata dal loro CD di esordio: 'New dubby conquerors' e' uscito il 21 maggio 2001 e solamente due settimane dopo e cioe' il 2 giugno la Germaican label fa uscire un apparentemente innocuo dischetto sette pollici che messo sul giradischi esplode fragorosamente rivelando un potentissimo e clamoroso reworking del 'Night Nurse' riddim di Gregory Isaacs con un meraviglioso giro di fiati ed Anthony B che rifa' la sua 'Waterpumpee proprio in combination con i Seeed! Di li a poco la etichetta tedesca Germaican sfrutta i suoi contatti jamaicani registrando vari cuts sul Doctor Darling riddim (questo e' il nome che nel frattempo il ritmo ha assunto) ed ottiene un successo enorme con 'It's a pity' di Tanya Stephens, brano splendido che tra l'altro ha spopolato nelle dancehalls italiane quest'estate.
Con queste notevoli credenziali i Seeed lavorano al loro secondo CD che diventa realta' all'inizio di giugno di quest'anno proprio non molto prima del debutto italiano dei Seeed. Il nuovo CD si intitola 'Music monks' e dopo essersi travestiti da nuovi conquistatori del dub(by) e da 'dancehall caballeros' nel primo CD questi bizzarri berlinesi assumono quest'anno le sembianze di monaci musicali con tanto di abito monastico con cappuccio incorporato (chi li ha visti ad Osoppo sa cosa intendo dire). Alla pagina delle recensioni potete leggere la recensione di 'Music monks': questa particolare band tedesca e' entrata nell'elenco dei nostri favoriti ed ora li aspettiamo in Italia per la seconda volta. Nel frattempo potete leggervi la bella intervista che ci hanno rilasciato ad Osoppo e visitare http://www.musicmonks.de per ogni informazione su di loro per ingannare l'attesa…

Vedi anche su Vibesonline.net:
Intervista ai Seeed
Recensione del CD "Music Monks"


Vibesonline.net - 2003

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice "various" - Back to the "various" index


Vedi anche su Vibesonline.net:
Intervista ai Seeed
Recensione del CD "Music Monks"

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net