header sunnyvibes link
sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Morgan Heritage 2005

A cura di: Pier Tosi
Scroll to right column for english version


I Morgan Heritage sono gia' dei veterani della scena reggae giamaicana e mondiale e negli ultimi tempi hanno saputo rinnovarsi: i frutti di questa nuova ventata d'energia li potete ascoltare sul loro ultimo CD 'Full circle'. Li avevamo intervistati per la prima volta nel 1999 e li ritroviamo al nostro microfono alla fine del 2005. Sono sempre molto professionali e cordiali: dobbiamo pero' rilevare il fatto che il loro cantante solista Peter non sia in realta' un gran parlatore o forse non l'abbiamo incontrato nel momento piu' indicato.
Su Vibesonline potete leggere anche un loro profilo biografico.


D: Nella vostra musica infondete da sempre parecchio soul: quali sono a vostro avviso le connessioni tra Soul music e reggae music?

R: Il soul proviene dal gospel ed il reggae possiede lo stesso spirito che ha il gospel.. La cultura Rasta porta alla gente dei messaggi positivi e lo spirito del soul e’ lo stesso che noi artisti reggae esprimiamo in un modo concettualmente simile ai grandi cantanti americani nel loro soul.

D: Quali artisti vi hanno maggiormente influenzato mentre vivevate le vostra giovinezza a Brooklin?

R: Tra le nostre principali influenze ci sono personaggi come Stevie Wonder, Michael Jackson e la Gap Band…

D:Eravate in qualche modo connessi con la scena giamaicana o la scena reggae newyorkese?

R: Non proprio: nostro padre ed i suoi amici hanno sempre ascoltato molto reggae ma noi in realta’ siamo cresciuti ascoltando perloppiu’ musica americana…

D: Qualcuno crede seriamente che le influenze r6b ed hip hop che si trovano nel reggae attuale stiano causando una perdita di identita’ della musica giamaicana: cosa ne pensate?

R: Be, io penso che queste influenze facciano bene. Per esempio negli anni settanta Bob Marley guardava al pubblico del rock e faceva musica diversa da ogni altro artista giamaicano. Personaggi cone Jimmy Cliff o Jacob Miller e gli Inner Circle non avevano problemi a mescolare i generi e Bob Marley ha influenzato la sua musica con il rock ed il punk…Oggi e’ piu’ o meno la stessa cosa: con le sue influenze esterne comunque Bob Marley ha fatto la miglior musica mai prodotta in Giamaica…

D: Come lavorate insieme alle vostre liriche?

R: Ci sono vari modi di procedere: qualche volta i testi arrivano prima della musica e qualche volta arriva invece prima l’idea musicale, oppure due di noi, o a volte tre di noi scrivono una canzone e la fanno sentire agli altri…l’ispirazione non arriva sempre allo stesso modo…

D: Avete cantato spesso di Rastafari come di una concezione divina del cuore. Credete che Rastafari possa unire bianchi e neri?

R: Certo…Rastafari e’ un simbolo di unita’ e nella spiritualita’ non conta il colore della pelle, Rastafari e’ unita’ tra tutte le popolazioni….

D: Ci sono molti giovani produttori di talento nella scena giamaicana ed infatti voi avete registrato alcuni dei migliori vostri brani recenti per personaggi come Don Corleon e Lion Paw. Potete parlarmi di questi produttori?

R: I giovani entrati negli ultimi anni nel business sono veramente bravi: ogni dieci o quindici anni c’e’ una specie di rivoluzione salutare causata dai nuovi talenti che si affacciano nella scena. Noi ringraziamo questi giovani produttori perche’ mantengono giovane la musica ed adatta ad un pubblico piu’ giovane mentre invece i produttori piu’ attempati creano suoni piu’ adatti al pubblico piu’ cresciuto. La musica deve rivolgersi ai giovani perche’ se non ti rivolgi a loro non avrai futuro. Questi nuovi produttori si rivolgono ai giovani e per questo ottengono il successo che si meritano.

D: Vedo che non sprecate troppo il vostro talento come altri artisti con troppi brani per troppi produttori. Come decidete di fare un brano su un ritmo per un produttore particolare?

R: La musica deve essere giusta per i Morgan Heritage: noi non possiamo cantare su un ritmo qualsiasi tra i tanti che escono in Giamaica e noi siamo molto selettivi in questo senso…Quando decidiamo di fare una canzone su un particolare ritmo deve essere qualcosa che ci piacera’ suonare anche dal vivo…

D:In ‘Tell me how come’ cantate anche della discriminazione rispetto ai Rasta in Giamaica. Capita anche a voi di essere discriminati per questo?

R: Personalmente no ma molta della nostra gente subisce alcune discriminazioni…

D: Pensate che Jah Cure sia in prigione perche’ e’ un Rastaman?

R: Non e’ in carcere perche’ e’ un Rastaman ma in Giamaica la gente sa molto bene perche’ queste cose vanno in questo modo…Noi gli siamo molto vicini, e’ come un nostro fratello e noi siamo dalla sua parte…

D: Cosa ne pensi dei nuovi artisti conscious come Fantan Mojah e I Wayne?

R: Stanno facendo qualcosa di molto bello ed importante per la nostra musica quindi li apprezzo molto…

D: L’ultima domanda riguarda l’escalation di violenza in Giamaica…

R: E’ come in ogni altra parte del mondo, e’ una cosa che deriva da una crisi mondiale che speriamo finisca presto…


Vibesonline.net - 2006

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle interviste



This is our second Morgan Heritage interview: we met them first in 1999. For further information about the band check their official website

D: You’re putting a lot of soul in your reggae: what is in your opinion the connection between soul music and reggae music?

R: Well, soul music is coming from gospel and reggae music have the same gospel spirit in that. The Rastafarian culture come across with the message but the spirit of the soul is the same that we the reggae artists express as the american singers express in their music.

D: When you were growing up in Brooklin what were the artists or bands that did influence you in your music?

R: We had a lot of influence from american artists like Stevie Wonder, the Gap Band, the Jacksons...

D: Did you have any connection with the jamaican scene or the reggae scene in Brooklin?

R: No, not really, our father’s friends used to listen to a lot of reggae but we grew up listening to a lot of american music...

D: Some people thinks that too much r&b or hip hop into jamaican music is causing a losing of identity: what do you think about that?

R: Well, I mean, is just a fusion, even in the 70s Bob Marley’s music was different from what everybody else in Jamaica was doing, Jimmy Cliff, Jacob Miller, Inner Circle, all these people were doing crossover music, Bob Marley was mixing his music with rock or punk, so it’s the same thing...Thirty years later Bob Marley’s music is the greatest music ever made in Jamaica...

D: How you work on music and lyrics together as a family?

R: It happens in many different ways: sometimes the lyrics may come first, the music may come first or two people may write a song or three people may write a song...so it’s different ways...

D: You sang about the divine conception of rastafari. Do you think that Rastafari can unite black and white people?

R: Of course, because Rastafari is a symbol of unity, in spirituality there’s no colour, Rastafari is unity amongst all people...

D: There are a lot of new producers coming in the reggae scene and you recorded some of your best tunes with people like Don Corleon or Lion Paw. Can you tell me something about new producers?

R: The youth coming up in the business are very talented, every ten or fifteen years we have an evolution with new talents coming around, we give thanks to these young producers because they keep the music young where it get to youths while older producers are getting their sounds to the older audience. You have to get into the youths because if you’re not getting into the youths youre not getting into the future, so these young producers have that sound and they know the youths, so we give thanks for them.

D: You’re not wasting your talent around with too many riddims for too many producers. How you choose a riddim or a producer?

R: The music have to be right for Morgan Heritage: it’s not every riddim that come outta Jamaica you can hear our voice on it, we are very selective about our type of music. When we pick a riddim it has to be something that we can enjoy playing on stage...

D: In ‘Tell me how come’ you’re singing about a lot of fighting against Rasta in Jamaica. Are you experieng that in the country were you live?

R: Not personally but I know a lot of people that experience it...

D: Do you think Jah Cure is in jail because he’s a Rastaman?

R: Not because is a Rastaman but the people know why things are the way they are...we are very close to him, he’s like my brother, I’m by his side...

D: What do you think about the new conscious artists coming like Mojah, I Wayne?

R: They’re doing something very good for our music so give thanks for them...

D: The last one about the increasing of violence in Jamaica...

R: It’s like around the world, it’s a worldwide crisis, we pray for the whole world.

 


Vibesonline.net - 2006

Back to top page
Back to interviews index


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - vvibes@geocities.com