header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Dillinger
Title: Youthman veteran
Label: Jah Warrior

Recensito da: Per Tosi
Scroll to right column for english version


Continua la grande attivita' di Steve Mosco A.K.A. Jah Warrior come dubmaster e produttore: per chi non conoscesse la sua attitudine diciamo che Jah Warrior e' un seguace del suono UK roots ed un validissimo continuatore della tradizione di questo genere strettamente legato alla tradizione dei sound systems roots inglesi come Jah Shaka, Abashanti o Iration Steppas. Lo stesso Jah Warrior dopo essere stato folgorato dalle sue prime esperienze alle dances di Shaka e' diventato sound operator ed ha continuato poi come produttore alla direzione di una label indipendente che porta il suo nome ed ha ormai raggiunto un buon numero di produzioni.

Negli ultimi anni Jah Warrior ha migliorato la qualita' delle sue produzioni ed ha registrato materiale con nuovi cantanti e deejays. Nell'estate del 2000 il leggendario Dillinger ha trascorso un periodo a Londra ed ha registrato le otto tracce che insieme ai relativi dubs compongono questo 'Youthman veteran'. Dillinger e' uno dei deejays veterani degli anni settanta ed ha legato il suo nome a innumerevoli momenti straordinari del deejay style delle origini, dando i suoi migliori frutti in collaborazione con Lee Perry, Coxsone Dodd, Yabby You o gli Hookim brothers.

Questo 'Youthman veteran' e' un solido set in cui Dillinger adatta il suo peculiare 'chanting style' ai duri e potenti ritmi suonati da un team comprendente i Crispy Horns, Jonah Dan, Dougie Wardrop e Hughie Izachaar e prodotti da Jah Warrior. La voce di Dillinger e' assolutamente integra anche se forse penalizzata da ritmi roots un po' monocordi che ne limitano abbastanza le potenzialita', soprattutto se l'ascoltatore ha in mente i suoi momenti straordinari a Channel One. I brani si assomigliano un po' tutti e non ci sono momenti particolari in cui la creativita' di Dillinger svetta particolarmente: una certa ripetitivita' delle parti vocali da l'impressione che il voicing si sia svolto abbastanza frettolosamente come si faceva (e si fa ancora) in Jamaica.

Di sicuro questa tecnica privilegia la spontaneita' anche se in questo caso una maggiore cura avrebbe sicuramente giovato al lavoro di insieme. I dubs di Jah Warrior sono tutti impeccabili e chiaramente riflettono il suo stile anche se a mio avviso i brani si assomigliano un po' troppo tra loro dando un po' un'idea di monotonia generale. Il lavoro e' assolutamente consigliato a chi ama l'UK roots e la musica di Jah Warrior.


Vibesonline.net - 2002

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni - Back to reviews index


Steve Mosco, a.k.a. Jah Warrior, continues his activity as dubmaster and producer: Jah Warrior is a referral for UK roots and, with British roots sound systems as Jah Shaka, Abashanti and Iration Steppas, contributes to keep alive the tradition. Jah Warrior himself got his maturity at Shaka's dances, then becoming sound operator and finally producer for his own independent label with, nowadays, a discrete catalog.

Latest years jah Warrior improved the quality of his productions and has been promoter for new singers and deejays. In summer 2000 the legendary Dillinger spent a time in LKondon and recorded the eight tracks which, with the twin dubs, represent "Youthman Veteran". Dillinger is a veteran deejay of the Seventies, and his name is strictly associated to a lot of extraordinary moments of the whole deejay style, with some pearls in cooperation with Lee Perry, Coxsone Dodd, Yabbi You and The Hookim Brothers.

"Youthman Veteran" is a solid set in which Dillinger lets his "chanting style" fit the hard and powerful riddims performed by a band which includes Crispy Horns, Jonah Dan, Dougie Wardrop And Hughie Izachaar, with Jah Warrior as producer. Dillinger's voice is absolutely steady, even if roots riddims tend to giv it a handicap because of the characteristic monotony of roots, especially if the listener compares with his performances at Channel One. the songs are quite similar among them and there isn't any peak where one could think "yeah, this is Dillinger!", giving the idea that the voicing has been done, as usual in Jamaica, with an excessive hurry.

Because of it, we can appreciate the spontaneity but, in the same time, we can see that a better care would have benefit to the whole work. Jah Warrior's dubs are really impeccable and reflect his style, but my opinion is that they're too similar one each other giving a global idea of monotony. Who loves UK roots and Jah's music should not miss it.


Vibesonline.net - 2002

Back to top page
Back to reviews index


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net