header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Smoke
Title: Smoke
Label: V2

Recensito da: Pier Tosi


IQuesta recensione arriva decisamente in ritardo rispetto all’uscita di questo CD di debutto ma credo sia doveroso parlare di uno dei debutti piu’ convincenti per cio’ che riguarda il reggae italiano del 2006. Tra l’altro Smoke hanno dimostrato in un lungo tour primaverile/estivo in cui per parecchie date si sono affiancati alla cantante tedesca Zoe di essere una nuova ed eccitante forza del reggae italiano anche per cio’ che riguarda il suono live. Negli ultimi mesi del 2004 Alex Soresini (batteria), Gianluca Pelosi (basso) e Marco Zaghi (sax), musicisti di grande esperienza grazie alla militanza di vari anni in progetti come RN Tickets, Neffa, Realize, Radical Stuff ed 88tasti hanno deciso di avviare un nuovo gruppo con un appeal decisamente internazionale e la volonta’ di coniugare le proprie passioni attraverso un reggae assai raffinato e ‘groovy’ che strizza l’occhio volentieri alla tradizione del soul. Smoke nascono quindi come ensemble aperto a vari apporti esterni: in particolare il ruolo di vocalist e’ ricoperto da Andrew Hallard AKA Dre Love ma ci sono vari importanti contributi da Zoe, Patrick Benifei, Al Borosie ed i giamaicani Raymond Wright e Bless. Dopo una breve intro questo lavoro si apre con il reggae swingante di ‘Matter of time’ e ‘Higher place’, mentre in ‘Make it grow’, sorretta dall’intreccio di piano elettrico e chitarra e cantata da Patrick Benifei, Smoke si dimostrano dei maestri nel ‘lovers style’. Ancora grande calore in ‘Ciao amore’ con Zoe a duettare con Dre Love ed in ‘Rise up’ che ricorda un po’ gli episodi migliori dei Third World. Siamo arrivati al centro esatto del disco ed è il momento di Al Borosie in una resa emozionante del Far East riddim intitolata ‘Angel’. Blessed è una giovane cantante giamaicana dal timbro simile a quello di Tanya Stephens: in ‘Smoke’ duetta con Patrick Anthony (sembra Buju!) in ‘Rock with me’ e si lancia ‘inna roots style’ nella bellissima ‘Chat dem a chat’. Il finale del CD mantiene alto il livello con un alto grado di feeling e tecnica in ‘Yorl’ (di questa traccia e’ presente anche la dub version), ‘End days’ e ‘Jah love’ con il ‘ragga’ di Winston Wright. Smoke esordiscono quindi alla grande: speriamo siano protagonisti nei prossimi mesi di una apertura del reggae italiano ad influenze esterne che portino la musica in levare del nostro paese ad essere conosciuta ed apprezzata di piu’ all’estero.


Vibesonline.net - 2006

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni



 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - mimmo@bassculture.it