header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Zion Train
Title: Original sounds of the Zion
Label: Universal Egg

Recensito da: Mimmo Superbass
Scroll to right column for english version


Estremamente danzabile, in diversi contesti, questo ennesimo capitolo della saga Zion Train. Una storia che ormai ha più di 10 anni alle spalle, una crew che incredibilmente riesce a mantenere coesione, energia e freschezza, testimoniate anche nei numerosi apprezzatissimi live che continuano a tenere regolarmente anche in Italia.

L'elemento più fresco di questo disco del 2002 è la voce dell'ospite JOHNO, prestato dai Nuclear Roots di Manchester. Il suo dj style da una marcia in più ai momenti reggae più felici dell'album, come Zion high, Hailing up the selecter e King of the sound and blues: ritmi roots massicci, dal mix vivace che si distingue dalla monotonia dei soliti stepper.

La formula generale è la solita alternanza tra reggae ed i classici techno-dub-house-steppers da vertigine che hanno reso gli Zion Train celebri sia nelle danze di jah Shaka che nei rave party dei travellers.

Il tutto condito da abbondanti spruzzate di sirene da sound system Tubby's style, anche questo come da manuale. Ma attenzione, non voglio dire che si tratta di album senza carattere, anzi: il tutto è piacevolmente bilanciato ed il risultato è comunque proiettato in avanti, con pochissime cadute di tensione.

Dal lato house si distingue Do you see love, con il fetauring del cantante funk Pat Fulgoni ed un ritmo decisamente intrigante. Un'altro dubbone più roots vede la partecipazione di Levi Roots, vocalist celebre della comunità british reggae con la sua etichetta Sound Box.

Sempre più in evidenza e sempre più d'impatto i fiati dei Crispy Horns, ovvero Dave e Chris, praticamente cresciuti con Zion Train ma ormai ospiti in moltissime produzioni inglesi sia in studio che live.

La "rivoluzione dell'amore" rimane l'essenza del messaggio positivo di questa crew, con la piacevole voce di Molara, la melodica di Colin, il mixaggio di Perch, e la loro capacità di produrre ed arrangiare con la mente aperta e sensibile.


Vibesonline.net - 2002

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni


This new chapter of Zion Train saga is extremely good and danceable under many different points of view. With a story more than 10 years old, this crew is still characterized by cohesion, energy and freshness, demonstrated also by the many, strongly appreciated live sessions they keep helding regularly even in Italy.

The freshest element of this 2002's album is the voice of the guest Johno, leaned by Mancester's Nuclear Roots. His deejay style gives one more speed to the most successful reggae moments of the work, like "Zion High", "Hailing up the selecter" and "King of the sound and blues": tough roots rhythms, with a quick mix which distinguish itself from the monotony of usual steppers.

The general formule is the usual alternance between reggae and techno-dub-house classics which made Zion Train famous both in Jah Shaka's dances and in the travellers' rave parties.

The ensemble is accompanied by sound system sirens in a perfect King Tubby's style, like following an handbook. But I don't want to say that this is an album without character, the complex is rather pleasantly balanced, and the result is indeed looking forward, with a few falls.

On the house side we can highlight "Do you see love" featuring the funk singer Pat Fulgoni with an intriguing rhythm. A great dub, with a stronger root emphasis, is featured by Levi Roots, famous vocalist of the british reggae community with his label Sound Box.

Always more evident and more impacting the horns of Dave and Chris, that are the Crispy Horns, grown with Zion Train but nowadays featuring as guests in a large number of U.K. productions, both in studio and live.

Love revolution still is the essence of this crew's positive message, with Molara's lovely voice, with Colin's melodica, with Perch's mixing, and their ability to produce and arrange with a sensible and open mind.


Vibesonline.net - 2002

Back to top page
Back to reviews index


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net