header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Zion Train
Title:Original Sound Of The Zion Remixed
Label: Universal Egg

Distribuito in Italia da Wide Records

Recensito da: Pier Tosi


Come molti di voi sapranno Zion Train costituiscono l’anello mancante tra l’arte dub di King Tubby sviluppata negli anni settanta in terreno reggae e con suoni assolutamente analogici e i celebrati effetti di questa attitudine che si possono riscontrare ampiamente in vari ambiti della club culture mondiale, dalla techno o drum & bass fino a certa avanguardia ritmica elettronica. Zion Train partono dal dub-reggae ma da sempre non disdegnano quindi delle giocose incursioni in campi piu’ ‘spinti’ dal punto di vista ritmico come la techno o la trance, senza comunque perdere mai di vista il loro stile. Questo nuovo lavoro non contiene nuova musica ma una serie di commissionamenti di remixes effettuati su brani del loro precedente CD ‘Original Sounds Of The Zion’ tra l'altro da noi recensito sempre in questa sezione di Vibes On Line. Il dub e’ spesso anche un esercizio di stile e questo esercizio e’ divertente quando c’e’ un brano iniziale da scomporre e ricostruire allargandone magari le prospettive e gli orizzonti. Questo stimolante esercizio avviene ben quindici volte in questo CD ad opera di personaggi abbastanza vicini alla band ed operanti in campi differenti. La scelta dei brani non contempla tutti le tracce di ‘Original Sounds of the Zion’ ma di alcuni brani sono presenti vari remixes. La prima parte del CD e’ tutta sul versante del dub reggae classico: Ryan Moore di Twilight Circus Dub Sound System lo apre con il suo lento e sinuoso remix di ‘Hailing up the selector’. Le riletture in chiave UK dub molto belle ed eleganti arrivano poi da Rob Smith di Smith & Mighty, i Vibronics, Dub Creator, Dubfront, il finnico Bommitommi, Love Grocer e Unity Sound. Da circa meta’ CD il ritmo invece si velocizza con una versione quasi ‘funk-rock’ di ‘Love revolutionary’ remixata dal napoletano Pier Paolo Polcari e con il dinamico remix di ‘Zion high’ da parte dei Trans Global Underground nel loro stile ‘ethno-dub’. Dopo il remix da parte di Molara di ‘Peace and justice’ il finale e’ tutto in chiave piu’ spinta con LBJ vs. Bonitommi, il bristoliano Darcus, Balafonic e Speedwell. C’e’ quindi di che perdersi nella varieta’ di ritmi espressa da questo CD anche se vista la vicinanza a Zion Train dei maestri ‘remiscelatori’ in azione dobbiamo dire che lo spirito eversivo della musica di questo ensemble e la grande eleganza e forza della musica non vengono assolutamente intaccati. Ancora una volta dobbiamo dire che Zion Train colgono nel segno e realizzano un lavoro che non delude affatto le aspettative anche se ormai e’ ora di confezionare e far uscire anche un CD di nuova musica a piu’ di due anni dall’uscita del loro precedente lavoro qui remixato.


Vibesonline.net - 2004

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni - Back to reviews index


 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - vvibes@geocities.com