header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Africa Unite
Title: Mentre Fuori Piove
Label: Alternative/Venus

Recensiti da: Pier Tosi
Scroll to right column for english version


Era dal 2000 che gli Africa Unite non facevano sentire la loro ‘voce’ poiche’ ‘20’, il loro CD precedente era notoriamente una raccolta di reinterpretazioni di brani di Bob Marley, l’artista da cui viene il nome della band piu’ longeva del reggae italiano. Venti erano infatti gli anni di attivita’ di Africa Unite celebrati nel 2001 ed ora, nel ventiduesimo anno di attivita’ arrivano le tredici tracce nuove di zecca di questo ‘Mentre fuori piove’ uscito lo scorso 28 marzo.

Cominciamo col dire che questo nuovo CD e’ un lavoro essenziale e compatto, un lavoro in cui Africa Unite mostrano a tratti il loro suono classico, il suono che li rende assai riconoscibili. Quello che sembra a prima vista quasi un plagio ai migliori Steel Pulse nel primo minuto della traccia di apertura ‘La storia’, in realta’ e’ un appassionato tributo al suono ‘militante’ di cui la band italiana voleva essere ai suoi esordi erede diretta: la militanza non si limita ai suoni e le liriche di ‘La storia’, una classica ed elegante canzone roots ‘Africa Unite style’, ci parlano dei corsi e ricorsi violenti dei tempi che stiamo dolorosamente vivendo.

Subito dopo arriva l’ emozione autentica: la chitarra e le percussioni si fanno sanguigne, i fiati scaldano e Bunna canta di Johnny che cercava la verita’ in strade come torrenti in piena sforzandosi di rimanere lucido ed invece e’ morto con un proiettile in corpo, Johhny che in realta’ si chiamava Carlo…

Nella successiva ‘Uguale’ si sente la vena moderna degli Africa Unite, quella della cover di ‘Concrete jungle’ dal sapore UK garage apparsa in ‘20’, ma con ‘Rughe indelebili’ si torna al reggae classico, anche se impreziosito da un bellissimo arrangiamento in cui risaltano gli archi ed un ritornello di Bunna che piu’ Africa Unite non si puo’.

Il brano che intitola il CD e’ il piu’ atipico ed il piu’ teso: il reggae non e’ presente, nemmeno accennato, e su un tappeto funk inquieto tra chitarre superlative ed effetti vari, Bunna e Mada sfruttano il contrasto tra le loro due voci quasi recitando un poema fatto di ricordi e di disagi interiori. In chiusura di CD ‘Mentre fuori piove’ verra’ ripresa insieme agli Archi Torti, e resa, se possibile, quasi piu’ dissonante.

Anche ‘Ogni singola goccia’ e’ carica di storia Africa Unite con il suo ‘skankin’ jazzato molto Linton Kwesi Johnson (un altro grosso punto di riferimento per i primi Africa) ed un testo ‘militante’ che la unisce virtualmente alla vibrante ‘In piedi’, la ‘Get up stand up’ degli Africa Unite 2003, un dolce ed al contempo forte invito alla coerenza ed alla responsabilita’ delle proprie opinioni, cosi’ fuori moda di questi tempi.

Il sax cerca le sue note ed un riff inossidabile di fiati in minoreci fa entrare in ‘Non guardare’, un altro pezzone dall’andamento roots e ‘Mind rape’ di seguito e’ uno struggente bluebeat dal cantato in inglese. Ci avviamo verso la fine e su un tappeto di onde marine Bunna accorda l’acustica e ci propone un lauto assaggio della canzone che intitola quello che chi scrive sostiene essere uno dei piu’ grandi albums di tutti i tempi, ‘What’s going on’ di Marvin Gaye: anche in questo caso non si ricerca il confronto con un originale decisamente inarrivabile ed il messaggio e’ che abbiamo bisogno in questi tempi di guerra della forza di mille ‘What’s going on’.

Prima che l’Archi Torti Version di ‘Mentre fuori piove’ chiuda il disco ci sono le due splendide dub versions di ‘Muoio goodbye’ e ‘La storia’ che fanno da preludio ad una lunga serie di preziosismi al mixer percepiti qua e la durante tutto il disco.

In conclusione ‘Mentre fuori piove’ e’ un CD che ad ascolti superficiali appare tranquillo, pacato e quasi deludente ma sotto la patina, per chi sa rimuoverla, ci sono emozioni autentiche e vibranti che crescono a poco a poco con gli ascolti, rivelando anche una sorpendente efficacia formale, di sicuro frutto di un grande talento e dell’esperienza di piu’ di vent’anni di attivita’. Vediamo a questo punto cosa gli Africa Unite ci proporranno nel tour italiano che da primavera inoltrata supportera’ questa loro nuova fatica.


Vibesonline.net - 2003

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni



 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net