header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


On-U Sound Master Recordings

Recensito da: Mimmo Superbass


- Introduzione
- Disco Plate Collection 1 e 2
- Psychotic Joncanoo


Guardo l'elenco dei titoli in questa collana mid-price retrospettiva della On-U Sound, e dentro di me scorrono ricordi ed emozioni: e' la fotografia di un'epoca che ho vissuto in prima persona, e molti di quei titoli per me rappresentano preziosi pezzi di vinile acquistati uno alla volta con tanti sacrifici.
Ricordo che l'anno di produzione su quelle splendide copertine (realizzate da Kishi Yamamoto, allora moglie di Adrian Sherwood) veniva spostato di una decade: 1983 diventava 1993. Eccoci quindi negli anni '90 veri, il vinile e' diventato CD con tanto di catalogo ipertestuale nella traccia CD Rom, ed il prezzo speciale permettera' al popolo di giudicare se quella della On-U Sound fu davvero profezia.

Sembrerebbe davvero di si, visto il ruolo che svolge adesso il dub in tanta musica "progressiva" di fine millennio. Allora Adrian Sherwood fu un vero innovatore. La sua intuizione fu quella di non considerare il reggae una cultura etnica da prendere cosi' com'era e basta, ma un linguaggio da condividere con i fratelli giamaicani, uno straordinario strumento per espandere creativita' e ricerca.
La On-u Sound rappresentava un ponte tra il mondo sommerso del circuito musicale giamaicano ed il mondo delle etichette indipendenti bianche: entrambi erano in piena sviluppo in quegli anni, in un formidabile assalto al mainstream musicale. In questa cospirazione creativa vennero catalizzati una grande quantita' di raffinate menti musicali, provenienti da esperienze diversissime, che si fondevano in maniera spesso sorprendente.

Le produzioni On-U Sound non erano quasi mai di facile ascolto, spesso si trattava di suoni cupi e duri, ed il lavoro col dub di Adrian portava le intuizioni dei dubmasters giamaicani alle estreme conseguenze. Eppure quello strano mix di avanguardia interazziale (perfettamente rappresentato da esperienze come Dub Syndacate e African Headcharge) divento' un marchio di qualita' di successo internazionale, sia pur nell'ambito indipendente.

Malgrado (sopratutto all'epoca) molti puristi del reggae hanno storto il naso, il mondo del reggae deve molto ad Adrian Sherwood.
Adrian ha fatto la cosa giusta nel momento giusto, raccogliendo grandi artisti giamaicani vittime del fallimento delle "operazioni reggae" nei '70 di major come Virgin ed Island, e dandogli la possibilita' di esprimersi in una dimensione indipendente, per un'audience internazionale e ben selezionata.

On-U Sound ha dato spazio, dignita', mercato al reggae. SIcuramente lo ha arricchito e stimolato artisticamente, spianando la strada alle fusioni culturali di tanta musica digitale attuale.
Personalmente, nonostante fossi molto addentro al reggae puro, ho sempre ricercato quei dischi con la data nel futuro, provando anche una certa soddisfazione nel vedere nomi come Prince Far I e Bim Sherman nelle collezioni di molti rockettari-new wavers incalliti.
Ho scelto un paio di titoli della serie Master Recordings da recensire: non sono i piu' rappresentativi, non sono i piu' sperimentali, sono solo alcuni tra quelli che mi hanno regalato piu' emozioni all'epoca in cui sono usciti.


Per tornare all'inizio pagina

AA.VV.: Disco Plates Collection Part 1
AA.VV.: Disco Plates Collection Part 2

Questi due CD rappresentano un'eccezione nella serie, perche' non sono ristampe di album, ma compilation di singoli, quasi tutti 10 pollici. Il formato 10", attualmente scarsamente usato, ha sempre avuto un buon "appeal" sul mercato del reggae, anche per la sua forma che ricorda i "dubplates", i pezzi unici speciali per i Sound Systems.

Rapidamente scomparsa dalla circolazione, la serie discoplate della On-U Sound dei primi anni 80 contiene una serie di gioielli dal valore artistico immenso, molti mai pubblicati su album. Con le loro copertine bianco e nero in uno strano stile "neoliberty" (chi si ricorda la copertina di "Mr Babylon" degli italiani Different Stylee? Fu ispirata dai discoplates della On-U Sound!!), rappresentano un pezzo forte nello scaffale del collezionista, ma oggi sono stati democraticamente assemblati in questi due CD a prezzo popolare. Sembra pero' che sia in cantiere una ristampa in vinile-cofanetto ultra pregiata a tiratura limitata!

Personalmente, essendo sempre stato abbastanza povero, ebbi all'epoca la possibilita' di "prelevarne" alcuni da un grande negozio Virgin di Londra, agevolato dalla loro dimensione ridotta. E guarda caso uno di loro conteneva proprio "Virgin", una terribile invettiva contro la Virgin a cura di Prince Far I, incazzatissimo per la sua tragica esperienza con la mega etichetta inglese.

Indimenticabile anche "African Blood" di Congo Ashanti Roy, approdato alla On-U dopo l'esperienza mitica dei Congoes in Giamaica, quelli di "Hearth of the Congoes". Il falsetto di Ashanti Roy piange il sangue versato dalla sua razza, e la solida base dei Singers And Players si dissolve in un potentissimo dub nelle mani di Adrian Sherwood, con in primo piano selvagge percussioni che sembrano cantare un lamento antico.

African Blood e Virgin sono contenute nel primo CD, insieme ad altissimi episodi con Bim Sherman (Revolution, Danger...), Creation Rebel (Creation Rebel, Independent Man), Noah House Of Dread (il primo gruppo di Bonjo I, poi creatore degli African Headcharge). Sicuramente il set piu' prezioso dei due.

Il Secondo comunque non scherza: contiene altri due pezzi della serie discoplates, piu' alcune esperienze precedenti e successive. Gli Undivided Roots sono una band storica del british reggae, qui sono presenti con un bellissimo e raro singolo prodotto da Adrian Sherwood poco prima di creare la On-U Sound.

I singoli piu' recenti sono "93 Struggle" e "What happened" dei Dub Syndacate, mentre la serie Discoplate vera e propria comprende il magico "Keep You Dancing", una delle piu' ipnotiche manifestazioni dell'incredibile falsetto di Bim Sherman, la sua voce viaggia su un tappeto dub evanescente insieme alla malinconica melodica di Doctor Pablo, in una toccante espressione d'amore per la reggae music "...strictly rub-a-dub stylee". "Breaking Down The Pressure" e' un'altro grande brano di Ashanti Roy, seguito dal dj style con una irresistibile "Autobiografia" di Mister Mikey Dread "at the controls".


Per tornare all'inizio pagina

Creation Rebel: Psychotic Joncanoo

Una degli argomenti piu' usati dai sostenitori del CD, e' che il vinile ascoltandolo si consuma. Ed in effetti io i solchi di "Psychotic Joncanoo" me li sono consumati proprio fino all'osso, e li conosco tutti a memoria.
Il bello e' che quando mi sono procurato questa ristampa in CD (17 anni dopo!!) mi sono ritrovato perfettamente daccordo con l'opinione di Steve Barker nelle dettagliate note di copertina: questo disco si apprezza oggi meglio di quando fu realizzato!
Musica decisamente proiettata in avanti, Psychotic Joncanoo e' uno dei piu' piacevoli album della storia della On-U Sound, ne rappresenta al meglio lo spirito, ed i Creation Rebel rappresentano un momento chiave di tutta quell'esperienza e del british reggae in generale.

Prima di prendere il nome da una vecchia canzone di Burning Spear, i Creation Rebel si chiamavano The Arabs, e diventarono noti per la loro collaborazione con Prince Far I, cosi' come per il supporto come backing band a molti artisti giamaicani nei loro tour europei.
Il gruppo comprendeva Lizard Logan al basso, Crucial Tony alla chitarra, Bigga Morrison alle tastiere, e Fish Clarke alla batteria, presto sostituito da Eskimo Fox e da un giovanissimo Style Scott (che stava per diventare il piu' importante batterista reggae dell'epoca con la Roots Radix Band!).

Il primo album come Creation Rebel fu "Dub from creation" nel 1978, seguito subito da "Starship Africa" registrato con Adrian Sherwood per la 4D Rhythms.
Starhip Africa e' psichedelia pura, un allucinante viaggio cosmico sulle linee dub del basso e della batteria attraverso dimensioni ambient e industriali. Seguono "Close encounter to the third world" e "Rebel vibrations", sempre prodotti da Adrian Sherwood, per la Hit Run, sempre dub e molto sperimentali.

"Psychotic Joncanoo" e' dell'81 ed il primo come On-U Sound. Si tratta di un album molto piu' "masticabile" dei precedenti, anche perche' oltre al dub contiene una manciata di splendide canzoni "conscious style" di Crucial Tony (complete di armonie stile Black Uhuru dell'epoca). La sperimentazione degli anni precedenti arriva ad una equilibrio ed una sintesi esemplari, ed il dub di Adrian Sherwood e' ricco di inventiva, personalita' e stile.

La solida sezione ritmica e' colorata da ospiti d'eccezione, come Deadly Headly al sax e Bonjo I alle percussioni nel brano "The dope", ed adirittura John Lyddon (Sex Pistols, PIL...) nelle armonie vocali di "Mothers don't cry". Un brillante album di roots reggae e dub, perfettamente in bilico tra i canoni del genere e la sperimentazione piu' audace!

Dopo il successivo album "Low and higs" i Creation Rebel scomparvero come sigla, ma i vari Eskimo, Lizard, Crucial Tony e Style Scott hanno continuato individualmente ad alimentare tante altre esperienze, costituendo l'anima e l'essenza della O-nu Sound: Dub Syndacate, African Headcharge, Maffia, New Age Steppers, Singers And Players, Playgroup, House Of Dread, ed anche quegli Undivided Roots che hanno rappresentato una delle anime del british reggae piu' ortodosso.


Vibesonline.net - 2000

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni - Back to reviews index


La copertina originale del Disco-plate di Ashanti Roy Congo "African Blood" (1983), con la foto di Ashanti Roy in minacciosa posa da karate fra la nebbia di un parco inglese.

Su Vibesonline.net, in relazione agli argomenti trattati in questa pagina, c'e' la nostra intervista con Adrian Sherwood.

La serie "On-U Sound Master Recordings", e' distribuita in Italia da Wide Records. Ecco qui l'elenco del piano di riedizioni, completo dei numeri di serie:

    MISSING BRAZILIANS:
  • Warzone CD18634
    DUB SYNDICATE:
  • Tunes from the missing channel CD18638
  • Live at Town & Country Club CD18659
  • One way sistem CD18625
  • Pounding system CD18618
  • Strike the balance CD18647
  • North of River Thames CD18630
    SINGERS & PLAYERS (Feat.Prince Far I):
  • Revenge of the underdog CD18611
  • Staggering heights CD18623
  • War of words (feat.Bim Sherman) CD19605
    AFRICAN HEAD CHARGE:
  • Environmental studies CD18619
  • Drastic season CD18627
  • My life in a hole in the ground CD18613
  • Off the beaten track CD18640
    HEADLEY BENNETT (feat.Bim Sherman):
  • 35 Years from Alpha CD18614
    GARY CLAIL & ON-U-SOUNDSYSTEM:
  • End of the century party CD18649
    BARMY ARMY:
  • The english disease CD18648
    VARIOUS ARTISTS:
  • Disco plates collection Part 1 CD18612
  • Disco plates collection Part 2 CD18654
  • Pay it all back 1 CD18637
  • Pay it all back 2 CD18642
  • Pay it all back 3 CD18653
  • Pay it all back 4 CD18663
    CREATION REBEL:
  • Psychotic jonkanoo CD18604
  • Starship Africa CD18608
    BIM SHERMAN:
  • Across the red sea CD18617
    NEW AGE STEPPERS:
  • New age steppers CD18601
  • Action battlefield CD18603
    NOAH HOUSE OF DREAD:
  • Heart CD18620


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net