header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: LMS
Title: Reality Check
Label: VP records

Recensito da: Pier Tosi


Forte del grande successo di Morgan Heritage, la famiglia Morgan si allarga a macchia d'olio nel panorama del reggae, ed ora e' il momento per i fratellastri L.M.S. di esordire con un lavoro di lunga durata in effetti annunciato da tempo dal suo produttore Donovan Germain.

Se la ricetta mostrata da Morgan Heritage per portare il reggae nel duemila e' una miscela di attitudine e spiritualita' attinti al vecchio reggae, e dinamismo e groove ispirati dalle nuove tendenze della black music statunitense, anche L.M.S. si attengono scrupolosamente al loro codice genetico: sono impostati come trio vocale e riescono a impreziosire le loro composizioni con armonie vocali reggae ma anche gorgheggi soul e R&B e parti hip hop e addirittura singjay bobo-style un po' alla Sizzla.

Con queste premesse quindi questo 'Reality check' non puo' non essere un lavoro molto eterogeneo nei suoi contenuti. Si inizia e si finisce con brani su ritmi gia' noti, come 'Here we come' sul Right time/Conforter riddim o la conclusiva 'Dance (In the party)' sul tormentone Studio One 'Tings & Time' (per intenderci il ritmo di 'Can you play some more' di Beres Hammond) mentre alcuni brani, come la stucchevole 'Girl from Kingston' o 'Think twice' (in combination con Morgan Heritage) sono consacrati al soul/funk.

Nel nucleo centrale del disco pero' fuoriesce potente l'anima roots di L.M.S. con una serie di brani uno meglio dell'altro come 'Wicked man slaughter' o 'Royal foundation', tutti trainati da bellissimi ritmi Penthouse un po' nello stile Buju/Jah Mali (se il prossimo album di Buju suonera' questi ritmi direi che si parte col piede giusto!).

Oltre che nella citata 'Think twice' Morgan Heritage tornano in scena in combination style in 'Saddle up', una gioiosa canzone reggae allietata dalla grande voce di Peter Morgan, e disponibile come pre-release single prima dell'uscita del CD. Direi che questo esordio e' molto riuscito e che nell'evidenza della similitudine con i loro titolati fratelli, L.M.S. mantengono un pizzico di originalita', anche se probabilmente chi gia' non ama eccessivamente Morgan Heritage probabilmente non sara' d'accordo.


Vibesonline.net - 1999

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni - Back to reviews index


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net