header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: AA.VV.
Title: Hidden Treasure Volume 2
Label: Easy Star

Artist: Sugar Minott
Title: Ghetto-ology + Dub
Label: Easy Star

Recensiti da: Mimmo Superbass


La giovane e intraprendente etichetta newyorkese Easy Star (parallelamente alla produzione di nuova roots music) continua il suo ottimo lavoro di revival, concentrandosi per il momento su una figura chiave nella storia del reggae: Lincoln Sugar Minott.
Dopo il delizioso volume 1 pubblicato lo scorso anno, "Tesori nascosti vol.2" continua a scavare nell'affascinante archivio della Black Roots, l'etichetta creata da Sugar alla fine dei '70.
Anche questo volume spazia dalle prime produzioni alle piu' recenti. Fra le varie curiosita', troviamo la prima incisione di Little John (a nove anni, insieme al DJ Captain Simbad), e un brano di Sugar con i cori fatti dai Musical Youth, registrati in Inghilterra poco prima che esplodessero nelle classifiche pop.
Fra le 20 tracce segnaleri in particolare "Rope in rasta", gioioso inno rastafari di Johnny Osbourne, e "Progress" di Barry Brown, su un classico aggressivo ritmo stepper di Channel One.
In generale si tratta di un ottimo ritratto di quella particolare avventura discografica chiamata Black Roots: un business povero come tanti altri che hanno fatto la storia del reggae in Giamaica, ma con uno spiccato senso sociale di appartenenza al ghetto, di auto-rivalsa economica e culturale.

Il primo passo di questa avventura puo' essere considerato "Ghetto-ology", il primo album completamente autoprodotto da Sugar Minott alla fine degli anni '70, appena conclusa l'esperienza di Studio One che l'aveva lanciato sulla scena giamaicana.
L'album ebbe un grande successo anche in Inghilterra, stampato dalla Trojan, ed apri' la fase internazionale del successo di Sugar Minott.
Nel corso degli anni '80 poi Sugar avrebbe creato la Youth Promotion, diventando un fautore fondamentale di quel dance hall style che rinnovo' il volto del reggae. Ma all'epoca di Ghetto-ology Sugar era un semplice cantante del ghetto come tanti altri, e l'album puo' essere considerato un capolavoro di arte povera.
Probabilmente il disco piu' roots di Sugar Minott, sicuramente uno dei piu' intensi, imprescindibile in qualsiasi discografia che voglia rappresentare la grande stagione del roots reggae giamaicano attraverso i suoi album piu' memorabili.
Cosi' Sugar racconta le session di registrazione:
" Soul Syndacate Band suono' tutte le le canzoni sul disco, tranne due. La Soul Syndacate session avvenne tutta in un giorno, tutte le canzoni in una volta. Quel giorno fu' come... erba in quantita', cibo e vibes giamaicane. Per la sezione fiati e le strutture ritmiche basilari, sapevo quello che volevo, ma per tutta la giornata ogni musicista ci mise del suo colore dentro. Per la chitarra... Chinna Smith creo' i suoi propri arrangiamenti sul momento, e fu' emozionante."
La riedizione della Easy Star comprende nello stesso CD anche "Ghetto-ology dub", celebre dub album con tutte le version mixate da Prince Jammy e King Tubby.


Vibesonline.net - 2001

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni - Back to reviews index



This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net