header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Gyptian
Title: My name is Gyptian
Label: VP

Distribuito in Italia da Jahmekya e One Love Music Corner

Recensito da: Pier Tosi


Gyptian si è messo in luce non molto tempo fa grazie ad una toccante ballata acustica dal titolo ‘Serious times’ uscita su singolo sull’etichetta Frenz . Si tratta di un giovane vocalist con un bellissimo timbro di voce e da cui si aspettano grandi cose in futuro. Questo suo debutto dal titolo autoreferenziale mette in luce uno stile di reggae molto dolce e rilassato, una specie di ‘easy listening’ in un senso non troppo deteriore del termine: al momento di cercare nelle sue melodie e nelle sue caratteristiche vocali delle eventuali influenze per una volta resto letteralmente a mani vuote. In apertura ‘Beng beng’ rievoca Nancy Sinatra ma non ci vuole molto a capire che i colpi di pistola a cui fa riferimento Gyptian sono quelli dei sempre violenti ghetti giamaicani. La celebrazione della figura materna ha portato fortuna a tanti artisti reggae: ‘Mama’ è l’ennesimo brano di questo filone e ci introduce nel mondo solare e forse un po’ zuccheroso di Gyptian in cui le atmosfere si ripetono un po’ troppo simili. Oltre a ‘Serious times’, il brano migliore di questa prima parte del CD è la love song ‘You never know’. Proseguendo l’ascolto è vivacizzato (si fa per dire) da ‘Take me higher’ ma soprattutto dalle due combinations ‘Through the valley’ (con Roundhead) e ‘Woman I love you’ (con Teflon) contraddistinte da accordi in minore ed uno stile più ‘roots’. Nella manciata abbondante di tracce restanti torniamo a ballate ripetitive e sinceramente un po’ anonime. Si distinguono non per lo stile ma per una maggiore qualità compositiva le conclusive ‘Stop the fussing and fighting’ e la combination con Keisha ‘Holiday’. Gyptian ha un indubbio potenziale ma non ha ancora dalla sua la padronanza di moduli stilistici più vari ed articolati e non è un caso che le tracce migliori siano quelle in cui è accompagnato da altri cantanti. Ha comunque dalla sua l’originalità in un ambiente musicale affollato da copisti di talento: vedremo se in futuro saprà sfruttarla meglio che in questa occasione.


Vibesonline.net - 2006

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni



 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - mimmo@bassculture.it