header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Morgan Heritage
Title: Full Circle
Label: VP

Recensito da: Pier Tosi


Questa recensione arriva un po’ in ritardo ma credo sia doverosa perche’ Morgan Heritage non hanno mancato l’appuntamento con la loro nuova uscita e ‘Full circle’ è un ottimo album in linea con gli ottimi livelli dei suoi predecessori. In sostanza il loro stile in bilico tra potente roots e qualche concessione soul, dancehall e r&b resta immutato e ‘Full circle’ racchiude quanto la famiglia reale ha fatto sentire di meglio negli ultimi due anni nei singoli, con la provvidenziale aggiunta di qualche ottimo spunto ancora inedito. L’apertura e’ dedicata al roots con ‘Jah comes first’ e ‘Armagideon calls’ gia’ realizzate su singolo da All Access e Stingray. Si procede con ‘Some day’, una ballata forse un po’ troppo sdolcinata sul giro armonico di ‘No woman no cry’ e con la notevole roots tune ‘Move on’. A questo punto arriva una serie di ‘pezzoni’ gia’ noti su singolo, ma è un piacere ritrovarli qui in notevole sequenza: il primo è ‘Hail up the lion’ sul Return riddim, poi ‘Hail Rastafari’ che a mio avviso è tra i loro migliori singoli di sempre, prodotto da Lion Paw sul magnifico 9-11 riddim. Come se non bastassero i due precedenti, arrivano ‘I’m still the same’, il loro cut del Cry Baby riddim (Birchill) e la sublime ‘Your best friend’, una delle versioni migliori del favoloso Drop Leaf riddim. Alla traccia nove riparte la dancehall e purtroppo il cameo di Junior Gong non vale (almeno secondo noi) le aspettative. La traccia dieci e’ ‘Enough is enough’ e nonostante la presenza di Cobra faccia pensare a qualcosa di movimentato in realta’ ci troviamo alle prese con una suadente ballad dal sapore r&b. Per ‘I’m coming home’ vale lo stesso discorso di ‘Some day’ e dopo un attimo di pausa si riparte a tutto roots con un’altra sequenza memorabile composta da ‘Gangsta grupie’ (sul riddim di ‘Some like it hot’ di sua maesta’ Dennis Brown), l’inedita ‘Propaganda’ e la combination con Bushman ‘Mek wi try’, gia’ nota su singolo Digital B. Si procede verso la fine senza cali e nella stessa vena roots con ‘So much to come’ e con ‘Tell me how come’: la seconda costituisce una importante anticipazione del Seasons riddim, il ritmo confezionato da Don Corleon come successore del Drop Leaf. La chiusura è nel segno della dancehall in un party a cui partecipano anche LMS, Bounty e Sizzla ed intitolato ‘U’ve got me’. Ve le abbiamo elencate tutte e non vi abbiamo lasciato sorprese: per gli amanti di Morgan Heritage questo ‘Full circle’ è un approdo piu’ che sicuro. Chi li ha sempre trovati un po’ noiosi puo’ concedere loro una possibilita’ ulteriore, vista la presenza in ‘Full circle’ di alcuni dei migliori cuts dei ritmi che stanno facendo la storia del reggae degli ultimi mesi.


Vibesonline.net - 2005

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni



 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - mimmo@bassculture.it