header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Capleton
Title:Free Up
Label: Penitentiary

Recensito da: Pier Tosi


I recenti concerti italiani ci hanno mostrato un Capleton in ottima forma ed abbastanza assorbito dalla febbre dei mondiali: dopo essersi esibito a Sotto Il Monte dopo la vittoria dell’Italia sull’Ucraina, al Rototom Sunsplash è addirittura salito sul palco con la bandiera italiana per festeggiare l’Italia vincitrice dei mondiali solamente qualche minuto prima! The Prophet continua a fare il panico anche su ritmi dancehall ma il suo ultimo CD sulla VP label 'Reign of fire' ha contribuito a costruire una reputazione di roots artist anche presso coloro che non seguono attentamente le ultime tendenze della scena giamaicana. Va da se quindi che un nuovo CD di Capleton in uscita ci incuriosisce molto anche se la label non è VP ma Penitentiary: leggendo le scarse note di copertina di questo ‘Free up’ tutte le tracce appaiono prodotte da Trevor Sinclair e Paul Harrison per la Harmony Hill Records. Niente di più falso perché gia come secondo brano troviamo l’ottima combination con Moses I ‘Fire is burning’ uscita su singolo sulla V1 mentre ottima è anche ‘Strive’ pero’ prodotta dalla etichetta Energy. La cosa abbastanza strana è che tutte queste belle roots tunes di Capleton, a cui di seguito aggiungiamo ‘That day will come’ (famosa su singolo Gibbo) e ‘Love mama’ (singolo Kickin’) sono presenti su ‘Free up’ con i titoli cambiati rispetto ai singoli quasi a voler far pensare si tratti di altre canzoni. Addirittura come ‘Invation’ è indicata anche ‘Invasion’, incisa dal Profeta per la Downsound label sullo stesso ritmo di ‘Hungry’ di Fantan Mojah. Andando avanti troviamo anche ‘Oh my’, prodotta da In The Streetz e siglata qui come ‘Love’ e ‘Come fi build’ (Vertex label sul ritmo di ‘Home and away’ di Norris Man) indicata come ‘Live up’. L’idea che ci siamo fatti fino ad ora è di una collezione di ottime tracce gia’ uscite su singolo compilata in modo assai maldestro e senza i crediti di produzione delle tracce. Le ultime tracce vedono Capleton alle prese con ritmi dancehall per brani per noi meno riconoscibili ma presumibilmente anche questi già noti come singoli. Tra queste riconosciamo ‘Source of life’, uscita nel 1999 in cui Capleton è in combination con Tyrical. In conclusione ‘Free up’ contiene ottimo materiale prevalentemente roots tutto già edito su singolo: dobbiamo però ulteriormente segnalare che si tratta di un progetto piuttosto sciatto in cui mancano i credits dei produttori e quelli degli artisti delle combinations. Ci troviamo addirittura a dubitare del fatto che i brani siano usati legalmente con il consenso dei reali produttori. Non vorremmo sembrare troppo moralisti ma crediamo che questo tipo di prodotti non siano molto utili alla diffusione del reggae. Chi non ha molta familiarità con l’opera di Capleton dovrebbe lasciare perdere questo CD e procurarsi 'Reign of fire' e 'Still blazing'’: tutti gli altri e soprattutto i fans incalliti del Profeta tengano presente le informazioni di questa recensione prima di incauti acquisti.


 

Vibesonline.net - 2006

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni - Back to reviews index


 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - vvibes@geocities.com