header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Suoni Mudu'
Title: Fine Del Mondo
Label: Drum'n'Bass

Recensito da: Pier Tosi


‘In questa folle babilonia del 2000, l’anarchia non e’ un’utopia’

Continua l’avventura di Suoni Mudu’, band formata nel 1990 a Bari e connessa attraverso la creatività del suo leader Nico Caldarulo ad importanti esperienze degli anni ’80 di quella città ma importantissime per tutta la scena reggae italiana come Different Stylee e Struggle. Nonostante le mille difficoltà che incontra chi decide di portare avanti un’esperienza musicale ‘non allineata’ in Italia, Suoni Mudu’ hanno continuato il loro percorso suonando dal vivo e componendo nuovi brani ed accantonando per un po’ la prospettiva di registrare dischi. Il loro lavoro precedente ‘Mica casuale sarà’ risale infatti al 1996 e a dieci anni di distanza ora esce questo nuovo ‘Fine del mondo’: questo CD vede uniti insieme in modo abbastanza omogeneo un primo nucleo di sette canzoni registrate nel 2003 con un successivo gruppo di cinque nuove canzoni registrate invece nel 2005. L’aspetto musicale è piuttosto elegante ed arricchisce il reggae attraverso svariate influenze come il rock, la world music, le suggestioni folk italiane e la musica afro-americana: del resto questa attitudine all’apertura musicale era uno degli aspetti più preziosi delle passate esperienze che abbiamo citato e che sono in qualche modo rievocate in questo ‘Fine del mondo’. Un aspetto centrale assumono le liriche di denuncia della particolarissima ‘poetry’ di Nico Caldarulo, liriche dirette ma mai prive di suggestivi elementi poetici: in certi casi, soprattutto nelle nuove canzoni, divengono grida di dolore per la condizione umana nei nostri tempi. Finalmente vengono immortalate su CD alcune canzoni classiche dei Mudu’ perché in repertorio da tanti anni come ‘Damatutte’, uno dei brani più reggae dell’anno, ‘Medicina’ che qui assume un incedere funk o ‘D.D.T.’ che assume una apocalittica tonalità dub. Tra gli altri brani abbiamo apprezzato il taranta-reggae ‘Gabbione’, la serie iniziale di canzoni nuove come ‘Dammi la mano’, ‘Brilla’ e ‘Fine’ e il beat funkeggiante di ‘Brucia’, la lirica con la bella frase che apre questa recensione. Non te ne accorgi ma il fuoco di passione brucia, e per i Suoni Mudu’ continua a bruciare dopo sedici anni…

Sito ufficiale Suoni Mudu'


Vibesonline.net - 2007

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni



 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - mimmo@bassculture.it