header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Anthony Cruz
Title:Mama's blessing
Label: Jet Star

Distribuito in Italia da Goodfellas

Recensito da: Pier Tosi


Prima dell’uscita nel 2002 della sua fortunatissima cover di ‘U’v got it bad’ di Usher, prodotta da Mixing Finga sulla ripresa di ‘To the foundation’ di Dennis Brown il nome di Anthony Cruz, nipote di Garnett Silk cresciuto tra Mandeville e Miami era sconosciuto ai piu’ nonostante avesse gia’ pubblicato un album sotto l’ala protettiva di Willie Lindo. Gli ultimi quattro anni di duro lavoro in Giamaica ne hanno fatto uno dei migliori cantanti di note degli ultimi tempi e questo suo secondo ‘Mama’s blessing’, uscito nel dicembre 2005 sancisce l’inizio di un suo nuovo corso dopo l’uscita dal 5th Element camp di cui faceva parte dal 2000. Questo CD e’ una parata di ottimi brani su alcuni dei migliori ritmi degli ultimi tempi: i maniaci dei singoletti conosceranno gia’ molti dei brani mentre tutti gli altri possono andare sul sicuro. Si inizia con ‘Turn it up’, prodotta da Jammys su una bella resa del ‘Ba ba boom’ riddim e si procede con il lovers di ‘Woman I love’ (Cry Baby riddim). La grande vena ‘pop’ di Anthony esplode poi con ‘Half Way Three’, ‘Too bloody’ (in coppia con Buju Banton) e ‘If you’re not the one’. A questo punto siamo gia’ belli caldi ed e’ il momento perfetto per la sofferta ‘Make it up’ sul Tsahai riddim seguita dalla title track sull’ultimo grande ritmo 5th Element e cioe’ l’I Swear. Siamo a meta’, Anthony non ha ancora sbagliato un colpo ed arriva il reggae gioioso di ‘Respect people’ seguita magicamente dalle vibes molto radiofoniche di ‘I don’t wanna’ e dalla fantastica ‘Girl from Ghana’ che ci porta per incanto in mezzo di un party africano. Restano le ultime cinque tracce: la nota ‘No gun in a dance’ arriva dritta da Studio One ed e’ una sorta di omaggio Michigan & Smilie e la loro ‘Nice up the dance’ e anche ‘Like a mountain’ riecheggia la tradizione in modo simile La voce di Martin Luther King introduce la ballatona ‘I had a dream’ (il riddim e’ quello di ‘Serious times’ di Gyptian) ed il finale e’ assolutamente degno con ‘Girl I’m sorry’ ed ancora le vibes acustiche di ‘The greatest’. Massimo dei voti ad Anthony Cruz in questo lavoro: con ‘Mama’s blessing’ ci ricorda che il grande reggae spesso ci fa ballare e ci riempie il cuore anche grazie alle sua grande spensieratezza.


Vibesonline.net - 2006

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni - Back to reviews index


 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - vvibes@geocities.com