header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Africa Unite
Title: Controlli
Label: Venus

Recensito da: Pier Tosi


Il venticinquesimo anno di vita di Africa Unite, la più longeva reggae band italiana, si preannuncia come un anno di svolta: i fiati hanno lasciato la band, al basso arriva Paolo Baldini dai BR Stylers ed il suo importante apporto alla costruzione del suono dovrebbe rappresentare il nuovo ago d’equilibrio tra il furore ‘sonico’ di Madasky e la melodia reggae di Bunna. Cominciamo dicendo che questo ‘Controlli’ è meno classico e più tecnologico dei CDs più recenti della band piemontese ma è anche più focalizzato ed incisivo e sotto la vernice del preannunciato ed effettivo rinnovamento pulsa comunque forte il patrimonio genetico degli Africa Unite che conosciamo. Madasky colpisce duro con il ragga atipico di ‘In nomine’ e ‘Beatkilla’, entrambe con liriche assai taglienti, mentre la classicità Africa Unite riaffiora con ‘Sotto pelle’ ed ‘Il segreto del numero scomparso’. Tra questi due poli la grande ricchezza di spunti di ‘Controlli’: il suono quasi ‘UK roots’ di ‘Vultures’ e ‘Watch out’ con la magnifica voce di Michela Grena di BR Stylers, il pulsante ethno-beat di ‘Vertigine’ (con Rais) e di una ‘Once in a lifetime’ rubata ai Talking Heads, la dancehall di ‘Amantide’ e ‘Play another game’, il roots quasi inquietante di ‘Bit crash’ ed il nyabinghi da terzo millennio di ‘The cage’ (per chi scrive l’episodio migliore del CD). La lingua inglese che ricordiamo nei primi lavori è utilizzata senza pregiudizio in ‘Controlli’ insieme all’italiano nelle liriche in cui si intrecciano soggettività e militanza sociale nella miglior tradizione Africa Unite con soluzioni stilistiche aperte a varie interpretazioni. Gli Africa Unite sono tornati con un disco vibrante e sanguigno e chi crede di trovarvi musica estiva e solare rimarrà deluso: le atmosfere a tratti cupe di ‘Controlli’ riflettono i tempi inquietanti che stiamo vivendo e l’intero CD gronda sudore speso in una dancehall buia e fumosa dove casse enormi sparano i bassi a palla.


Vibesonline.net - 2006

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni



 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - mimmo@bassculture.it