header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Perfect
Title: Born dead with life
Label: irie Vibrations

Recensito da: Pier Tosi

Greg Rose è il titolo della prima traccia di questo CD ed è anche il vero nome di Perfect, il giovane artista che qualche anno fa ha fatto breccia nel cuore negli appassionati di reggae con la sua Handcart Boy. Questo sing-jay non ha alcun problema ha collaborare con forze creative estranee alla scena giamaicana, visto che anche il suo secondo CD esce per una label europea e cioè l’austriaca Irie Vibrations. Stiamo parlando di un’etichetta presente da anni sulla scena reggae mondiale con un tocco musicale personale e cioè ritmi lenti ed ispirati dal vecchio roots sospinti dalla batteria acustica e rafforzati dalla chitarra ritmica che da alla musica un sapore abbastanza particolare. La traccia autocelebrativa di cui abbiamo parlato è una ballata dalla lirica ovviamente autobiografica e stacchi vocali che possono ricordare alla lontana James Brown. Al groove di clavinet di This city va il compito di portare l’ascoltatore dritto alla sostanza del CD con Perfect che ci parla dell’alienazione della vita nelle grandi città. L’eterea 30 pieces è sicuramente una delle migliori tracce del CD e precede la dolcissima Smile in cui a Perfect si unisce la bellissima voce della cantante emergente Empress. Anche Chezidek fornisce una prova all’altezza della sua fama in Journey mentre la combination con Gyptian e Turbulence di Da rendition è sospinta da un beat hip hop. Nonostante la produzione Irie Vibrations ruoti intorno a suoni molto essenziali e brilli per la sua omogeneità infatti all’interno del lavoro c’è un certo avvicendarsi di ritmi: Rasta dubplate è sospinta da un tocco rub-a-dub, Unlock ha un incedere ska marcato da un organetto molto ‘skanking’, Hanging day, Black seeds e Love in your heart sono magistrali numeri di roots classico e non mancano le ballate acustiche con Unforgivable e la vibrante title-track in chiusura. Il livello compositivo generale è piuttosto buono e la ricetta sonora Irie Vibrations non toglie autenticità alla proposta di una delle migliori voci della odierna scena new roots giamaicana.



Vibesonline.net - 2008

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni - Back to reviews index


 


 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - vvibes@geocities.com