header sunnyvibes link
indice di articoli vari indice delle interviste indice delle recensioni di album indice delle recensioni di singoli  


Artist: Jimi Vistoli
Title: Away This Time
Label: Videoradio

Recensito da: Pier Tosi


Questo ‘Away this time’ è il lavoro d’esordio solista di Jimi Vistoli, musicista veterano della scena reggae pistoiese e membro fondatore dei Raggariddim, ottimo gruppo attivo negli anni ottanta che secondo chi vi scrive avrebbe meritato una maggiore popolarità. Con le sue dieci tracce ‘Away this time’ è un più che solido CD roots reggae con influenze che vanno dai classici giamaicani del genere ai suoni tecnologici della scena ‘UK roots’. In apertura ‘Mr. President’ si rivolge in inglese a George Bush sulle atmosfere rilassate di un giro di blues in maggiore in cui si fa sentire l’imrovvisazione chitarristica dell’amico Nick Becattini. La stessa version è utilizzata in seguito in ‘We do the din don’, una sorta di ‘DJ cut’ a più voci. ‘Jah is love’ introduce degnamente l’ascoltatore alle atmosfere in minore che permeano la maggior parte delle tracce di ‘Away this time’, seguita dalla title track composta ed eseguita insieme a Rankin’ Alpha dei Dubital. In questo brano come in altri l’uso della lingua inglese si alterna ad alcune liriche composte in italiano: l’intento di comporre versi nella nostra lingua ci sembra lodevole anche se a volte genera qualche forzatura metrica come per esempio nella successiva ‘Domanderisposte’ di cui peraltro condividiamo le invettive alla follia della società in cui viviamo. La parte centrale del disco è caratterizzata da brani lenti e meditativi come ‘Jah Guide’, ‘Africa sweet Africa’ e la bellissima ‘Nitido silenzio’ in cui i suoni avvolgenti di sezione ritmica e tastiere cullano la voce di Jimi. Prima del finale con il dub di ‘Away this time’ riaffiora la ‘version’ di ‘Jah is love’ per la voce di Freaky Bea con la lirica ‘lovers’ di ‘Volare d’amore’. ‘Away this time’ è senz’altro un esordio positivo: il maggior pregio è la sincerità della vena poetica del suo autore mentre mentre il limite è una certa ‘staticita’ ritmica. Piacerà sicuramente agli amanti del ‘roots & culture’ più genuino.


Vibesonline.net - 2007

Per tornare all'inizio pagina
Per tornare all'indice delle recensioni



 

 


This page is part of the Vibesonline.net web-zine
home page http://www.vibesonline.net
web design: Vibrazioni Visive - mimmo@bassculture.it